Product SiteDocumentation Site

Fedora 17

Guida rapida all'installazione

Scaricare e installare Fedora 17 sulla maggior parte dei computer fissi e portatili

Fedora Documentation Project

Red Hat Engineering Content Services

Fedora Documentation Project

A cura di

Rüdiger Landmann

Red Hat Engineering Content Services

A cura di

Jack Reed

Red Hat Engineering Content Services

Nota Legale

Copyright © 2011 Red Hat, Inc. and others.
The text of and illustrations in this document are licensed by Red Hat under a Creative Commons Attribution–Share Alike 3.0 Unported license ("CC-BY-SA"). An explanation of CC-BY-SA is available at http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/. The original authors of this document, and Red Hat, designate the Fedora Project as the "Attribution Party" for purposes of CC-BY-SA. In accordance with CC-BY-SA, if you distribute this document or an adaptation of it, you must provide the URL for the original version.
Red Hat, as the licensor of this document, waives the right to enforce, and agrees not to assert, Section 4d of CC-BY-SA to the fullest extent permitted by applicable law.
Red Hat, Red Hat Enterprise Linux, the Shadowman logo, JBoss, MetaMatrix, Fedora, the Infinity Logo, and RHCE are trademarks of Red Hat, Inc., registered in the United States and other countries.
For guidelines on the permitted uses of the Fedora trademarks, refer to https://fedoraproject.org/wiki/Legal:Trademark_guidelines.
Linux® is the registered trademark of Linus Torvalds in the United States and other countries.
Java® is a registered trademark of Oracle and/or its affiliates.
XFS® is a trademark of Silicon Graphics International Corp. or its subsidiaries in the United States and/or other countries.
MySQL® is a registered trademark of MySQL AB in the United States, the European Union and other countries.
All other trademarks are the property of their respective owners.
Sommario
Questo documento mostra come scaricare e installare Fedora. Esso non copre ogni scenario possibile, ma descrive i passi che funzionano nella maggior parte dei casi per l'hardware piu comune.

1. Introduzione
2. Requisiti
3. Scaricare il file immagine del Fedora live CD
4. Scrivere il file immagine su CD
5. Avviare il computer dal CD
6. Selezione della lingua
7. Fedora Live Desktop
8. Configurazione della tastiera
9. Dispositivi di storage
9.1. Schermata di selezione dei dispositivi di storage
10. Assegnare i dispositivi di storage
11. Inizializzazione del disco fisso
12. Aggiornamento di un sistema esistente
13. Impostazione dell'hostname
14. Configurazione del fuso orario
15. Impostare la password di root
16. Impostazione del partizionamento del disco
17. Scrivi i cambiamenti su disco
18. Configurazione del boot loader
19. Selezione dei gruppi dei pacchetti
20. Installazione dei pacchetti
21. Firstboot
22. Accordo di licenza
23. Crea utente
24. Data e ora
25. Profilo hardware
26. L'installazione è completa
27. Inviateci i vostri commenti!
A. Selezione dei gruppi dei pacchetti
A.1. Personalizzare la selezione del software
B. Storico revisioni

1. Introduzione

Questa guida mostra come scaricare una immagine live CD di Fedora 17, la scrittura di questa immagine su un disco ed il suo utilizzo per installare Fedora 17 su un tipico computer fisso o portatile. Questa guida non è una descrizione completa del processo di installazione e di tutte le sue opzioni —,per maggiori dettagli fare riferimento alla Fedora 17 Guida all'installazione disponibile su http://docs.fedoraproject.org/.

2. Requisiti

Per creare un live CD Fedora serve:
  • una connessione internet a banda larga.
  • un computer con un masterizzatore CD o DVD.
  • software che permette di creare un CD da un file immagine.
  • un CD vuoto scrivibile.
Se non si dispone di una connessione internet veloce oppure si hanno problemi nella creazione dei dispositivi di avvio, il download potrebbe non essere un opzione. I supporti CD e DVD di distribuzione Fedora sono in vendita online in tutto il mondo a costo ridotto. Utilizzare il motore di ricerca preferito per trovare un venditore locale o fare riferimento a http://fedoraproject.org/wiki/Distribution.
Il computer nel quale si vuole installare Fedora 17 dal live CD dovrebbe avere:
  • un CD o un DVD drive e capacità d'avvìo dallo stesso.
  • un processore da 400 MHz o maggiori
  • almeno 1 GB di RAM
  • almeno 10 GB di spazio di storage permanente (hard drive).
Queste specifiche rappresentano il minimo richiesto per poter usare Fedora in modalità grafica. Quasi tutti i laptop o desktop degli ultimi anni ne sono capaci. Per maggiori informazioni sull'hardware per Fedora 17, far riferimento alle Fedora 17 Note di rilasciodisponibili in http://docs.fedoraproject.org/.
Se il computer non ha un drive CD o DVD o non può avviarsi dallo stesso, allora si potrebbe installare Fedora da un dispositivo di storage USB come una chiavetta USB. Far riferimento alla pagina liveusb-creator su https://fedorahosted.org/liveusb-creator/ per le istruzioni.

Hai già Fedora 17 su CD, DVD o su chiavetta USB ?

Se già si dispone di Fedora 17 su CD, DVD o live USB, si può già usare questa guida poiché molti passaggi sono simili. Passare a Sezione 5, «Avviare il computer dal CD», poi

3. Scaricare il file immagine del Fedora live CD

Il file immagine per il live CD di Fedora 17 è disponibile su http://download.fedoraproject.org/pub/fedora/linux/releases//Live/i686/Fedora--i686-Live-Desktop.iso. Scaricare e salvare il file sul proprio computer.

4. Scrivere il file immagine su CD

La serie di passi esatta che produce un CD da un file immagine varia notevolmente da computer a computer, a seconda del sistema operativo e dal software di scrittura installato. Utilizzare questa procedura come guida generale. Si potrebbe essere in grado di omettere alcuni passi sul computer, oppure si dovrebbero eseguire alcuni passaggi in un ordine differente da quello descritto di seguito.
Assicurarsi che il software di scrittura disco sia in grado di scrivere i dischi dai file immagine. Sebbene sia vero per la maggior parte dei software di scrittura disco, esistono delle eccezioni.
In particolare, notare che i sistemi windows xp e windows vista, per impostazione, non hanno nessuna capacità di scrivere immagini ISO su CD, inoltre precedenti versioni di windows, sempre per impostazione, non hanno addirittura nessuna capacità di scrivere su CD. Quindi, se nel computer è installato un s.o. precedente a windows 7, sarà necessario un software specifico per questo compito. Alcuni esempi tipici di software di scrittura CD, per windows, normalmente inclusi con limitazioni e concessi per un periodo di prova sono, nero burning ROM e roxio creator. Se si utilizza un s.o. windows e non si possiede un software di scrittura CD installato, o non si è sicuri se il software possa scrivere file immagine, il programma gratuto ed open-source, InfraRecorder è una valida alternativa, disponibile su http://www.infrarecorder.org/.
Il software Utilità disco installato in modo predefinito con Mac OS X sui computer Apple ha già dentro di se la funzione di scrittura di CD da immagine. La maggior parte dei software usati in gran parte per la scrittura di CD per Linux, come Brasero e K3b includono anche questa funzione.
  1. Inserire un CD scrivibile vuoto nel masterizzatore CD o DVD. In alcuni computer, quando si inserisce il disco si apre una finestra che mostra varie opzioni. Se si visualizza questa finestra, cercare una opzione che lancia il programma di scrittura desiderato. Se non si vede una opzione simile, chiuderel la finestra e lanciare il programma manualmente.
  2. Eseguire il proprio programma di scrittura disco. Su alcuni computer, si può fare cliccando con il tasto destro (oppure facendo click tenendo premuto il tasto ctrl) sul file immagine e selezionando una opzione di menu con etichetta tipo Copia immagine su CD, oppure Copia immagine CD o DVD. Altri computer potrebbero fornire una opzione di menu per lanciare il programma di scrittura disco scelto, sia direttamente che con una opzione tipo Apri con. Se non è disponibile nessuna delle seguenti opzioni sul computer, lanciare il programma da una icona del desktop, in un menu dell'applicazione come il menu Start sui sistemi operativi Windows, oppure nella cartella Applicazioni del mac.
  3. Nel proprio programma di scrittura disco, selezionare l'opzione per scrivere un CD da un file immagine. Per esempio, in Nero Burning ROM, questa opzione viene chiamata Scrivi immagine ed è posizionata nel menu File.
    Notare che è possibile saltare questo passo quando si utilizza alcuni software di scrittura CD; per esempio, Disk Utility su Mac OS X non lo richiede
  4. Trova il file immagine o ISO, scaricato in precedenza e poi seleziona il file per avviare il processo di scrittura.
  5. Fare click sul tasto che avvia il processo di scrittura.

Controllare il CD

Alla fine del processo di scrittura, esplorare il CD e controllare il suo contenuto. Se il disco è stato scritto correttamente, esso dovrebbe contenere diversi file e cartelle, tra i quali GPL, README, LiveOS, EFI, e isolinux. Se si trova un solo file di nome Fedora-17-i686-Live.iso, allora è stata scritta l'immagine stessa sul CD (una copia del file), invece di realizzare un CD da un file immagine. In questo caso, il CD è inutilizzabile e occorre riprovare da capo.

5. Avviare il computer dal CD

Accendere il computer, inserire il Fedora 17 live CD nel lettore CD o DVD e riavviare il computer con il disco ancora nel lettore. Normalmente dovrebbe già comparire la schermata di avvio di Fedora e un conto alla rovescia di dieci secondi:
La schermata di avvio del Fedora live CD
La schermata di avvio mostra un conto alla rovescia.
Figura 1. La schermata di avvio del Fedora live CD

Premere Enter per selezionare l'opzione Start Fedora 17 o attendere che il termine del conto alla rovescia
Se non si visualizza questa schermata, potrebbe essere necessario scegliere manualmente una opzione per far partire il computer dal CD. Accendere il computer e guardare la schermata iniziale del BIOS per un messaggio che indica quale tasto usare per:
  • un menu di avvio oppure
  • lo strumento di impostazione del BIOS
L'opzione menu di avvio è preferibile. Se non si visualizza questa schermata, consultare la documentazione del produttore del computer, scheda madre o sistema per la combinazione di tasti corretta. Su molti sistemi, il tasto richiesto sarà F12, F2, F1, Esc o Canc.

6. Selezione della lingua

Dopo il conto alla rovescia il computer carica il sistema live Fedora. Apparirà la barra dei menu in testa allo schermo.
La live di Fedora
Il desktop di un sistema live Fedora
Figura 2. La live di Fedora

La lingua predefinita per il processo d'installazione è l'Inglese. Se non si necessita di cambiarla, procedere a Sezione 7, «Fedora Live Desktop»
Per selezionare un'altra lingua
  1. Cliccare Live System User nella barra dei menu
  2. Selezionare Impostazioni di sistema.
  3. Selezionare Regione e Lingua.
  4. Selezionare la lingua preferita. Se non è in lista, cliccare sul pulsante +. Selezionare dalla lista o cercare poi premere Seleziona.
  5. Chiudere la finestra Regione e Lingua e selezionare Chiudi sessione dal menu Live System User.
  6. Loggarsi nuovamente. Nessuna password sarà richiesta. Il desktop apparirà nella lingua selezionata.

7. Fedora Live Desktop

Cliccare Attività ed apparirà un menu con tante icone.
Il menu Attività nel sistema live Fedora
Il menu Attività sul Desktop di una Fedora live è accessibile dalla dalla barra in alto dello schermo. Include l'icona Installa su disco
Figura 3. Il menu Attività nel sistema live Fedora

L'icona finale è etichettata Installa su disco. Cliccare sull'icona per lanciare il programma d'installazione.

8. Configurazione della tastiera

Utilizzando il mouse selezionare il tipo di layout corretto (per esempio Inglese U.S.) per la tastiera che si desidera utilizzare per l'installazione e come predefinita per il sistema (fare riferimento alla figura riportata di seguito).
Una volta effettuata la selezione, fare clic su Avanti per continuare.
Configurazione della tastiera
Schermata di configurazione della tastiera
Figura 4. Configurazione della tastiera

9. Dispositivi di storage

È possibile installare Fedora su di una vasta gamma di dispositivi di storage. Questa schermata permetterà all'utente di selezionare i dispositivi di storage specializzati o di base.
Dispositivi di storage
Schermata per la selezione i dispositivi di storage specializzati o di base
Figura 5. Dispositivi di storage

La quick start guide copre solo l'installazione di Fedora su dispositivi di memoriazzazione di base come hardisk o SSD su normali desktop o laptop PC. Far riferimento a Fedora 17 Installation Guide disponibile su http://docs.fedoraproject.org/ per maggiori dettagli sui dispositivi specializzati.
Se è stato selezionato Dispositivi di storage di base, anaconda rileverà automaticamente lo storage locale collegato al sistema senza la necessità di alcun input. Procedere con Sezione 11, «Inizializzazione del disco fisso».

9.1. Schermata di selezione dei dispositivi di storage

La schermata dei dispositivi di storage mostra tutti quelli ai quali anaconda ha accesso.
Selezione dei dispositivi di storage
Schermata per selezionare i dispositivi disponibili organizzati in dispositivi base, firmware RAID, dispositivi multipercorso ed altri dispositivi SAN.
Figura 6. Selezione dei dispositivi di storage

Ogni dispositivo viene riportato su di una riga con al suo fianco una casella di selezione. Selezionare la casella per rendere il dispositivo disponibile durante il processo di installazione oppure cliccare sul pulsante di selezione nella parte sinistra della colonna, per selezionare o deselezionare tutti i dispositivi elencati in una schermata in particolare. Più avanti nel processo di installazione sarà possibile scegliere di installare Fedora su qualsiasi dispositivo scelto in questa schermata, e selezionare il montaggio automatico di altri dispositivi selezionati come parte del sistema installato.
Da notare che i dispositivi qui selezionati non sono automaticamente rimossi dal processo di installazione. La selezione di un dispositivo su questa schermata, non mette i dati relativi archiviati sul dispositivo sotto alcun rischio. Da notare anche che qualsiasi dispositivo non selezionato per formare parte del sistema installato potrà essere aggiunto sul sistema dopo l'installazione modificando il file /etc/fstab.
Se è stato selezionato un solo dispositivo di storage, cliccare Successivo e procedere a Sezione 11, «Inizializzazione del disco fisso». Se sono stati selezionati due o più dispositivi, cliccare Successivo e procedere con Sezione 10, «Assegnare i dispositivi di storage».

10. Assegnare i dispositivi di storage

Se si selezionano più dispositivi di storage (far riferimento a Sezione 9, «Dispositivi di storage»), anaconda chiederà di selezionare quale di questi dovrebbero essere disponibili per l'installazione del sistema operativo e quale da destinare alla memorizzazione dei dati. Se si seleziona un solo dispositivo, anaconda non chiederà nulla.
Durante l'installazione i dispositivi qui identificati solo per la memorizzazione di dati sono montati come parte del filesystem ma non partizionati o formattati.
Assegnare dispositivi di storage
Schermata per la selezione dei dispositivi di storage per l'installazione o solo per la memorizzazione dati
Figura 7. Assegnare dispositivi di storage

La schermata è divisa in due parti. A sinistra è contenuta la lista dei dispositvi da usare solo per la memorizzazione di dati. A destra è contenuta la lista dei dispositivi che sono disponibili per l'installazione del sistema operativo.
Ogni lista contiene informazioni sui dispositivi come aiuto nell'identificazione. Un piccolo menu a discesa marcato con un'icona è posizionato sulla destra delle intestazioni a colonna. Questo menu permette di selezionare i tipi di dati presenti in ogni dispositivo. Ridurre o espandere la quantità di informazioni potrebbe aiutare ad identificare particolari dispositivi.
Spostare un dispositivo da una lista ad un'altra cliccandoci sopra, quindi fare clic o sul pulsante con una freccia rivolta verso sinistra per spostare l'elenco dei dispositivi di memorizzazione dati o il pulsante etichettato con un freccia rivolta verso destra per spostare l'elenco dei dispositivi disponibili per l'installazione del sistema operativo.
L'elenco dei dispositivi disponibili come target di installazione include anche un pulsante di opzione accanto a ogni dispositivo. Utilizzare questo pulsante di opzione per specificare il dispositivo che si desidera utilizzare come dispositivo d'avvio del sistema.
Al termine dell'identificazione dei dispositivi da usare per l'installazione, cliccare Next per continuare.

11. Inizializzazione del disco fisso

Se non viene trovata nessuna tabella delle partizzioni sui dischi fisici, il programma di installazione chiederà di inzializzare i dischi fissi. Questa operazione renderà qualsiasi dato presente sul disco illeggibile. Se nel sistema c'è un nuovo disco fisso con nessun sistema operativo sopra, oppure sono state rimosse tutte le partizioni dal disco, rispondere Reinizializza disco.
Il programma d'installazione si presenta con una separata finestra di dialogo per ogni disco nella quale non può leggere una tabella delle partizioni valida. Cliccare il pulsante Ignora tutto oppure Reinizializza tutto per applicare la stessa risposta a tutti i dispositivi.
Schermata di avviso – inizializzazione del disco fisso
Schermata di avviso – inizializzazione del disco fisso.
Figura 8. Schermata di avviso – inizializzazione del disco fisso

12. Aggiornamento di un sistema esistente

Se il sistema contiene un'installazione Fedora, appare una finestra di dialogo che chiede si vuole fare un aggiornamento. Per permetterlo scegliere l'installazione appropriata dal menu a discesa e selezionare Successivo.
La finestra di dialogo dell'aggiornamento
La finestra di dialogo dell'aggiornamento
Figura 9. La finestra di dialogo dell'aggiornamento

13. Impostazione dell'hostname

Il setup richiederà di fornire un nome host e un nome dominio per il computer nel formato hostname.domainname. Molte reti hanno un servizio DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol) che fornisce automaticamente i dati a sistemi connessi con un nome di dominio, lasciando agli utenti l'inserimento di un nome host.
A meno che non si voglia specificare il nome host e il nome di dominio, l'impostazione predefinita localhost.localdomain è una buona scelta per molti utenti.
Impostazione dell'hostname
Impostazione dell'hostname
Figura 10. Impostazione dell'hostname

14. Configurazione del fuso orario

Impostate il fuso orario selezionando la città più vicina alla posizione fisica del computer. Cliccare sulla mappa in modo da ingrandire l'area desiderata.
Da qui sono disponibili due modi per selezionare il fuso orario:
  • Usando il mouse, fate clic sulla mappa interattiva per selezionare una città specifica, (contrassegnata da un punto giallo). Comparirà una X rossa che indica la scelta.
  • Il fuso orario può anche essere selezionato tramite un elenco posto nella parte inferiore della schermata. Usando il mouse, cliccare sulla mappa per evidenziare la scelta.
Configurazione del fuso orario
Schermata di configurazione del fuso orario.
Figura 11. Configurazione del fuso orario

15. Impostare la password di root

Impostare un accunt root e la relativa password è uno dei passaggi più importanti da effettuare durante l'installazione. L'account root è usato per installare pacchetti, aggiornare gli RPM e per il mantenimento del sistema. Il login come root permette un controllo completo sul sistema.
Password di root
Impostare la password di root
Figura 12. Password di root

Inserire la password di root nel campo Password di root. Fedora visualizzerà degli asterischi al posto dei caratteri per motivi di sicurezza. Inserire la stessa password nel campo Conferma per assicurare che la password sia corretta. Dopo aver impostato la password di root, selezionare Next per procedere.

16. Impostazione del partizionamento del disco

In questa schermata è possibile scegliere se creare un layout predefinito oppure se eseguire un partizionamento manuale per creare una struttura personalizzata.
Partizionamento del disco
Scegliere se eseguire il partizionamento automatico o manuale.
Figura 13. Partizionamento del disco

Le prime quattro opzioni permettono di eseguire una installazione automatica senza l'intervento dell'utente. Se non si è sicuri su come partizionare il sistema, è consigliabile scegliere una di queste opzioni e lasciare che il programma di installazione faccia tutto automaticamente. In base alla scelta fatta, è possibiel controllare quali dati (se esistono) rimuovere.
Le opzioni sono:
Usare tutto lo spazio
Selezionare questa opzione per rimuovere tutte le partizioni sull'hardisk (questo include partizioni create da altri sistemi operativi come Windows VFAT o partizione NTFS).

Attenzione

Se si seleziona questa opzione, tutti i dati nell'hardisk selezionato saranno rimossi dal programma d'installazione. Non selezionarla se si hanno informazioni che si vogliono mantenere.
In particolare, non selezionare questa opzione quando si configura un sistema per concatenare il bootloader di Fedora con un altro.
Rimpiazzare il sistema Linux esistente
Selezionare questa opzione per rimuovere le sole partizioni create da un'altra installazione Linux. Non verranno rimosse altre partizioni (come VFAT o FAT32).
Restringere il sistema esistente
Selezionare questa opzione per ridimensionare i propri dati e le proprie partizioni manualmente ed installare una Fedora con una configurazione predefinita nello spazio liberato.

Attenzione

Se si restringono le partizioni contenenti altri sistemi operativi, si potrebbe non essere più in grado di utilizzarli. Sebbene non vengano distrutti dati, solitamente ai sistemi operativi serve mantenere dello spazio libero nelle proprie partizioni. Prima di ridimensionare quindi controllare quanto spazio libero disponibile bisogna lasciare.
Usare lo spazio libero
Selezionare questa opzione per mantenere i dati e partizioni esistenti ed installare Fedora nello spazio libero disponibile nell'hardisk. Assicurarsi che sia sufficiente prima di iniziare.

Attenzione

Se un sistema 64-bit x86 usa UEFI invece del BIOS, bisognerà creare manualmente una partizione /boot. Questa partizione deve essere una ext3. Se si sceglie il partizionamento automatico, il sistema non si avvierà.
Creare una configurazione personalizzata
Selezionare questa opzione per partizionare manualmente e creare una configurazione personalizzata.
Scegliere il metodo di partizionamento preferito cliccando sui pulsanti di scelta alla sinistra della descrizione nella finestra di dialogo.
Una volta effettuate le proprie scelte, fare clic su Avanti per continuare.

17. Scrivi i cambiamenti su disco

Il programma di installazione richiede di confermare le opzioni di partizionamento selezionate. Cliccare Scrivi i cambiamenti su disco perché l'installer possa partizionare ed installare Fedora.
Scrittura della configurazione su disco
La finestra di dialogo per la Scrittura della configurazione su disco permette di scegliere di Scrivi i cambiamenti su disco o di Tornare indietro.
Figura 14. Scrittura della configurazione su disco

Se si è certi di voler procedere, cliccare Scrivi cambiamenti su disco.

Ultima possibilità per interrompere in sicurezza

Fino a questo punto del processo di installazione, il programma non ha effettuato cambiamenti duraturi al computer. Quando si fa clic su Scrivi cambiamenti su disco , il programma di installazione allocherà lo spazio sul disco rigido e avvierà il trasferimento di Fedora nello stesso spazio. A seconda dell'opzione di partizionamento che si è scelto, questo processo potrebbe includere la cancellazione dei dati già presenti sul vostro computer.
Per rivisitare qualsiasi altra scelta fatta fino a questo punto, cliccare Torna indietro. Per annullare completamente l'installazione, spegnere il PC. Per spegnere la maggior parte dei computer, basta tenere premuto il pulsante di spegnimento per pochi secondi.
Dopo aver cliccato Scrivi cambiamenti su disco, il processo d'installazione si completerà. Se interrotto (ad esempio a causa dello spegnimento del PC o un abbassamento d'energìa) probabilmente non si sarà più in grado di usare il computer fino al riavvìo ed al completamento dell'installazione di Fedora o di un altro sistema operativo.

18. Configurazione del boot loader

Alcune opzioni per il partizionamento permettono la configurazione del boot loader tramite schermata. Se non appare la schermata, saltare a Sezione 19, «Selezione dei gruppi dei pacchetti».
GRUB (GRand Unified Bootloader), installato di default, è un boot loader molto potente, in grado di caricare numerosi sistemi operativi liberi oltre ai sistemi operativi proprietari mediante il chain-loading (il meccanismo per caricare sistemi operativi, come Windows, non supportati caricando un altro boot loader). Notare che Fedora 17 usa GRUB 2. GRUB Legacy non è più attivamente sviluppato. [1]
Configurazione del boot loader
Configurare come avviare il sistema.
Figura 15. Configurazione del boot loader

Se non ci sono altri sistemi operativi sul computer oppure si desidera rimuovere completamente qualsiasi altro sistema operativo, il programma di installazione installerà il GRUB come boot loader automaticamente. In questo caso è possibile continuare con Sezione 19, «Selezione dei gruppi dei pacchetti».
Se si hanno altri sistemi operativi già installati, Fedora tenterà automaticamente di rilevare econfigurare GRUB per farli avviare. Si può anche configurare manualmente qualsiasi altro sistema operativo aggiuntivo se GRUB non dovesse riuscire nell'intento.
Per aggiungere, rimuovere o cambiare le impostazioni dei sistemi operativi rilevati, usare le opzioni fornite.
Aggiungi
Cliccare sul pulsante Aggiungi per includere un sistema operativo aggiuntivo in GRUB.
Selezionare dal menù a tendina la partizione del disco che contiene il sistema operativo avviabile e darle un nome. GRUB mostrerà tale nome nel proprio menù di avvio.
Modifica
Per cambiare una voce nel menù di avvio di GRUB, selezionare la voce e poi selezionare Modifica.
>Elimina
Per rimuovere una voce dal menù di avvio di GRUB, selezionare la voce relativa e poi selezionare Elimina.
Selezionate Predefinito accanto alla partizione d'avvìo desiderata per poter scegliere il sistema operativo avviabile predefinito. Non sarà possibile continuare con l'installazione se un'immagine di avvio predefinita non è stata scelta.

19. Selezione dei gruppi dei pacchetti

Se si installa da una immagine Live Fedora, non bisogna selezionare pacchetti. Questo metodo trasferisce una copia dell'immagine Live piuttosto che installare i pacchetti da un repository. Per cambiare la selezione dei pacchetti, completare l'installazione poi usare l'applicazione Aggiungi/Rimuovi Software per operare dei cambiamenti.
Se si sta installando Fedora da un DVD, far riferimento a Appendice A, Selezione dei gruppi dei pacchetti per dettagli sulla selezione dei pacchetti.

20. Installazione dei pacchetti

A questo punto occorre solo attendere che l'installazione di tutti i pacchetti sia completata. Il tempo necessario dipende dal numero di pacchetti da installare e dalla velocità del computer.
Dopo che l'installazione sarà completata, selezionare Riavvia per riavviare il computer. Fedora rimuoverà qualsiasi disco caricato nel computer prima di riavviare.

21. Firstboot

Firstboot lancia il primo avvìo di Fedora. Usare Firstbootper configurare il sistema prima del login.
Schermata di benvenuto di Firstboot
Schermata di benvenuto di Firstboot
Figura 16. Schermata di benvenuto di Firstboot

Selezionare Avanti per avviare Firstboot.

22. Accordo di licenza

Questa schermata mostra i termini di licenza complessivi per Fedora. Ogni pacchetto software in Fedora è coperto dalla sua licenza. Tutte le linee guida per Fedora sono localizzate suhttp://fedoraproject.org/wiki/Legal/Licenses.
Schermata di licenza di Firstboot
Schermata di licenza di Firstboot
Figura 17. Schermata di licenza di Firstboot

Se si accettano i termini di licenza, selezionare Avanti.

23. Crea utente

Creare un proprio account in questa schermata. Usare sempre questo account per il login in Fedora invece di usare root.
Schermata creazione utente di Firstboot
Schermata creazione utente di Firstboot
Figura 18. Schermata creazione utente di Firstboot

24. Data e ora

Se il sistema non dispone di accesso ad internet o ad un server NTP (Network Time Protocol), impostare manualmente la data e l'ora per il sistema su questa schermata. Altrimenti, usare Sincronizza data e ora tramite rete per configurare il sistema nell'uso di server NTP (Network Time Protocol) per mantenere l'accuratezza dell'orologio. NTP fornisce il servizio di sincronizzazione ai computer sulla stessa rete. Internet contiene molti computer che offrono servizi NTP pubblici.
Schermata data e ora di Firstboot
Schermata data e ora di Firstboot
Figura 19. Schermata data e ora di Firstboot

25. Profilo hardware

Firstboot mostra una schermata che permette di inviare il proprio profilo hardware anonimamente al Fedora Project. Gli sviluppatori usano questi dettagli hardware per supporti futuri migliori. E' possibile leggere ulteriormente sul progetto ed il suo sviluppo su http://smolts.org/.
Schermata del profilo hardware in Firstboot
Schermata del profilo hardware in Firstboot
Figura 20. Schermata del profilo hardware in Firstboot

Per partecipare a questo importante lavoro, selezionare Invia profilo. Se si sceglie di non inviarlo, non modificare il valore predefinito. Selezionare Finito per continuare con la schermata di login.

26. L'installazione è completa

Fedora è ora installato sul computer. Accedere con il nome utente e la password creata durante il processo di installazione.
Per conoscere di più su Fedora, visitare il sito web del Fedora Project su http://fedoraproject.org/. Se è necessario aiuto nell'installazione o nell'utilizzo di Fedora, visitare http://fedoraproject.org/en/get-help.

27. Inviateci i vostri commenti!

Se individuate degli errori di battitura in questo manuale, o se pensate di poter contribuire al suo miglioramento, contattateci subito! Inviate i vostri suggerimenti tramite Bugzilla: http://bugzilla.redhat.com/bugzilla/ sul componente Fedora Documentation.
Quando inviate un bug report, assicuratevi di indicare l'identificatore del manuale: installation-quick-start-guide
Se inviate un suggerimento per contribuire al miglioramento della guida, cercate di essere il più specifici possibile. Se avete individuato un errore, indicate il numero della sezione e alcune righe di testo, in modo da agevolare la ricerca dell'errore.

A. Selezione dei gruppi dei pacchetti

DVD or six-CD set only

You will not see this screen if you are installing Fedora from the live CD.
Appare la schermata Installazione pacchetti predefinita con i dettagli dell'insieme di pacchetti predefiniti per l'installazione di Fedora. Questa schermata varia in base ala versione di Fedora installata.
Package Group Selection
Selezionare i gruppi dei pacchetti che si desidera installare.
Figura A.1. Package Group Selection

Il processo di installazione di Fedora carica in modo predefinito una selezione di software adeguata per un sistema distribuito come un server di base. Notare che non include ambienti grafici. Per includere software per altri compiti, selezionare dalla lista di opzioni seguente:
Desktop grafico
Questa opzione fornisce la suite di produttività OpenOffice.org, strumenti grafici come GIMP ed applicazioni multimediali.
Sviluppo software
Questa opzione fornisce i vari strumenti necessari per compilare software sul sistema Fedora.
Server web
Questa opzione fornisce il server web Apache.
Minimale
Questa opzione fornisce solo i pacchetti essenziali per avviare Fedora. L'installazione minimale fornisce le basi per server single-purpose o per desktop e massimizza le prestazioni e la sicurezza su questo tipo di installazione.
Per personalizzare ulteriormente il pacchetto, selezionare l'opzione Personalizza ora sulla schermata. Cliccando su Successivo verrà visualizzata la schermata, Selezione del gruppo di pacchetti.

A.1. Personalizzare la selezione del software

Dettagli sui gruppi di pacchetti
Scegliere di aggiungere o rimuovere i pacchetti opzionali da questo gruppo di pacchetti.
Figura A.2. Dettagli sui gruppi di pacchetti

Fedora divide il software incluso in gruppi di pacchetti. Per un facile uso, la schermata di selezione dei pacchetti mostra questi gruppi in categorie.
è possibile selezionare i gruppi di pacchetti, che riuniscono componenti in base alla loro funzione (per esempio, Il sistema X Window e gli Editor), i singoli pacchetti oppure una combinazione dei due.
Dopo aver scelto i pacchetti desiderati, selezionare Successivo per procedere. L'installer controlla la selezione ed automaticamente aggiunge qualsiasi altro pacchetto richiesto. Una volta finito di selezionare i pacchetti, cliccare Chiudi per salvare la selezione e tornare alla schermata principale.

B. Storico revisioni

Diario delle Revisioni
Revisione 17.1.0Tue Apr 24 2012Jack Reed
Aggiornamento a Fedora 17